Vinciullo e Tagadà:effetto mediatico!

La vicenda che vede coinvolto l’on. Vincenzo Vinciullo dopo la puntata andata in onda su LA 7,trasmissione televisiva TAGADA’, dove lo stesso (ascoltate il video) dichiara di non arrivare a fine mese sembra scatenare polemiche e querele sui social,tant’è che lo stesso deputato ha deciso di non rispondere a domande o concedere al momento interviste.

Ma la cosa che ci sorprende di più, e che lo stesso non denuncia pubblicamente che molti Comuni e amministrazioni non rispettino la legge sulla trasparenza,cioè non pubblichino on line sul proprio sito ( in questo caso di ogni Comune) la situazione reddituale e patrimoniale degli amministratori:Sindaco,Assessori,consiglieri..

Andiamo oltre,girando e cercando di capire un pò come funzionano le cose nel mondo del giornalismo,abbiamo scoperto che il grande Di Battista del M5S nella sua autobiografia si presenta come giornalista freelance. Sostiene di aver girato tutto il sud America all’insegna di reportage (introvabili in rete) e sempre dalla sua autobiografia emerge la cosa più interessante, comprese tutte le conferme che è lui, l’uomo di fiducia dei due capi del movimento: “Nel 2012 – si legge – la Casaleggio Associati mi commissiona un libro sui sicari sudamericani. Parto per Ecuador, Panama, Guatemala e Colombia e mi concentro sull’origine del fenomeno e sulle possibili soluzioni (legalizzazione droga, riforma agraria, socializzazione dell’economia, decrescita).”

Fonte Francesco Meringolo

Insomma, a quanto pare e a nostro parere,la guerra mediatica per le prossime elezioni regionali e nazionali è iniziata,noi spettatori dei social e del web siamo coinvolti..a tutti i costi  ci vogliono dentro al dibattito ma mai ci radunano per un referendum e farci decidere sulle cose importanti per il nostro futuro,sembra che oggi i nostri eletti siano stati delegati a tutto.

Rispondi