Noto:M5S intervista alla canditata a sindaco Francesca Sara Perna

Ciao Francesca e grazie per averci concesso la tua intervista..

Finalmente inizia la battaglia elettorale e sappiamo che il periodo in tutta in Italia,e soprattutto in Sicilia non sarà facile,quindi augurandoti subito un in bocca al lupo vado subito alla prima domanda:

Quali pensi siano stati gli errori di questa amministrazione?

  1. L’attuale amministrazione ha dimostrato nel corso di questi anni di concentrare tutte le risorse unicamente sulla valorizzazione del centro storico, lasciando nel degrado i quartieri periferici e le contrade, dove manca spesso l’illuminazione, le strade sono in condizioni pietose, piene di buche e avvallamenti, di immondizia, dove i cani randagi fanno da padrone, dove regna l’abusivismo, l’insicurezza, spesse volte l’illegalità. E’ necessario un programma di manutenzione ordinaria e straordinaria per rendere le nostre strade percorribili senza problemi. I quartieri hanno bisogno di essere riqualificati con interventi che prevedano giardini attrezzati e centri di incontro pubblici dove i cittadini possano socializzare. Attuazione di misure di contrasto al randagismo con l’apertura di un “oasi/parco del randagio”. Potenziamento dell’attuale rifugio sanitario e, in collaborazione con la Regione, l’Asp e associazioni animaliste, un serio programma di censimento e costituzione di un’anagrafe canina; microchippatura e sterilizzazione di tutta la popolazione canina, su richiesta anche privata; agevolazioni economiche per chi adotta un randagio; maggiori controlli e applicazione delle relative sanzioni per chi abbandona o maltratta animali.

Come si è comportato l’attuale sindaco Bonfanti e la sua amministrazione nella programmazione degli eventi culturali e soprattutto ha investito bene su questo patrimonio?

  1. La programmazione degli eventi culturali si è concentrata nei due mesi estivi anche con eccesso di offerta, due o tre programmi a sera, spesso con una scarsa partecipazione e un dispendio di risorse eccessivo: 350mila euro nel 2015. Penso invece che questi investimenti vadano distribuiti in un arco di tempo maggiore, soprattutto nei mesi invernali per cogliere due obiettivi: favorire la vita sociale della città e il turismo culturale anche “fuori stagione”.

Visto che ti sei candidata, avrai sicuramente delle idee chiare sulla strada da seguire o no?

  1. Il nostro programma prevede la trasparenza e la partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica locale, la riduzione dei costi della politica e l’eliminazione delle spese inutili, l’efficientamento della macchina amministrativa che fa buchi da tutte le parti (basta pensare alla scarsa capacità che ha la nostra amministrazione ad attingere ai fondi europei e ai fondi pubblici nazionali e regionali per opere pubbliche (vedi la vicenda degli 800mila euro per gli asili nido, dovuta una politica locale superficiale e irresponsabile che non si cura della scarsità di servizi per l’infanzia del territorio e rimane indifferente alle esigenze delle famiglie più svantaggiate).

Proporrai anche tu il reddito di cittadinanza,visto che è l’obiettivo del M5S?

  1. Siamo favorevoli al baratto amministrativo e al reddito di cittadinanza per le famiglie meno abbienti.

Le tue idee per favorire il turismo e le ricchezze patrimoniali del territorio nertino quali sono?

Per favorire un turismo sempre più di qualità in grado di esaltare le nostre ricchezze naturalistiche e archeologiche, vanno attuati sia un censimento dei beni artistici, che delle risorse naturalistico-archeologiche al fine di prevedere l’incentivazione dell’attività museale e l’individuazione di percorsi pedonali e cicloturistici attrezzati e relative guide per la valorizzazione del territorio, non solo per il turismo, ma anche come progetti di formazione per le scuole. Censimento dei beni immobili (case e terreni) per favorire l’istituzione dei cosiddetti orti urbani e di fattorie didattiche. Non vogliamo un nuovo piano regolatore generale con ulteriori cementificazioni. Prima di pensare a nuovi insediamenti va recuperato l’attuale patrimonio edilizio che in alcune zone del centro storico in periferia e nelle contrade versa in uno stato di degrado. Va favorito il reinsediamento anche attraverso incentivazioni nel centro storico che oggi vede quasi esclusivamente immobili usati come case vacanza o appartamenti abitati da persone privilegiate. Siamo favorevoli ad un programma di manutenzione regolare dei monumenti per contenere al minimo i grandi costi per il restauro, come avviene oggi. Proponiamo una politica di recupero per favorire il reinsediamento nelle antiche masserie, favorendo contemporaneamente l’avvio di attività imprenditoriali per agricoltura di qualità per i giovani.

Vorrei punzecchiarti,se posso,i cittadini resteranno a guardarvi se vincerete o saranno coninvolti nel cambiamento della città?

  1. Vogliamo un’amministrazione trasparente, in grado di coinvolgere tutti i cittadini nelle scelte più importanti attraverso lo strumento del referendum su cui a Noto manca una regolamentazione, ci impegnamo a fare periodicamente un consiglio comunale aperto in cui i cittadini possano discutere sul programma e sulle scelte dell’amministrazione. Il compito principale dell’amministrazione di Noto dev’essere il lavoro e l’occupazione, vanno quindi attuate politiche formative e incentivazioni che favoriscano nuove attività imprenditoriali (cooperative, apertura di una scuola di antiche arti e mestieri). Dobbiamo proteggere il nostro territorio da chi lo inquina e lo vuole deturpare. Vogliamo una gestione moderna e sostenibile dei rifiuti: aderiamo alla strategia Rifiuti Zero. Siamo per una politica di assoluto contrasto alle trivellazioni.

Ritornerà ancora una volta il tema Ospedale,cosa hai da dire a proposito?

  1. Ci stiamo battendo per la difesa del presidio ospedaliero Trigona che deve mantenere oltre al Pronto Soccorso, anche alcuni reparti di eccellenza. Anziché programmare grandi eventi con costi eccessivi per la cittadinanza, sarebbe più opportuno privilegiare spettacoli con artisti e gruppi musicali locali. Siamo per Wifi libero. Vogliamo recuperare l’ex cinema Benso per trasformarlo in un centro culturale polifunzionale multimediale anche con il concorso di privati. Vogliamo restaurare la vecchia fabbrica “Macchina del ghiaccio” e trasformare la struttura in un museo. Naturalmente, il nostro programma è molto più ampio ed articolato: parte dai dieci punti della Carta di Firenze che è il punto di riferimento del Movimento a livello nazionale e si articola in più di quindici punti che saranno ulteriormente approfonditi ed articolati negli incontri che stiamo facendo con i cittadini e con tutte le associazioni che operano nel Comune di noto.

Bene,sono soddisfatto della tua gentilezza e grazie del caffè..cosa posso dirti..

Ad Majora e attendiamo la replica degli altri candidati a sindaco di Noto!

Rispondi