Pallanuoto, il CUS Unime riaccende i motori

Riaccende i motori il settore pallanuoto CUS Unime in vista della nuova stagione agonistica. Smaltita la delusione per il salto in Serie A2 mancato proprio all’ultimo, con le sconfitte rimediate nei determinanti play off promozione, emerge tra le file cussine la convinzione di aver disputato, comunque, una stagione straordinaria da protagonisti assoluti del proprio girone cadetto, stimolo per porre le basi per una nuova stagione altrettanto esaltante. Con il ricordo ancora vivo, inoltre, della bellissima esperienza vissuta durante il common training del Settebello di Mister Sandro Campagna, un appuntamento che il CUS Unime si propone certamente di riorganizzare, i dirigenti del settore pallanuotistico del team messinese sono già al lavoro per affrontare la prossima stagione.

Alla guida tecnica proseguirà il proprio lavoro il Mister cussino Sergio Naccari. “Già da diverse settimane – queste le parole di Naccari – siamo concentrati sul mercato. Proveremo, certamente, a ripetere quanto di buono fatto nella passata stagione, una grande annata che ci ha regalato belle soddisfazioni, cercando di fare tesoro degli errori commessi e riproporsi con grande umiltà e determinazione, partendo anche dal presupposto che anche la prossima Serie B sarà il solito campionato difficile e molto competitivo, per cui non sarà affatto facile ripetersi.

La squadra sarà riconfermata in blocco, e con l’inserimento di altri 2 o 3 giocatori si cercherà di migliorare ulteriormente un gruppo già di per sé affidabile. Nello specifico siamo alla ricerca di un secondo portiere che possa affiancare il baluardo difensivo La Tona e stiamo cercando due attaccanti, di cui un mancino. È chiaro che se dovesse capitare un’occasione ci faremo trovare pronto”. Dal mese di settembre riprenderanno gli allenamenti anche per il settore giovanile, con le categorie under 13, 15 e 17, oltreché con i piccoli dell’Acquagol. Novità previste anche per la guida tecnica di questi settori, che rappresentano il futuro della società.

Rispondi